motore di ricerca

Il Museo

perchè un museo
il museo galleggiante
il museo a terra
il museo navigante
il museo all'aria aperta
l'Antiquarium
Entra nella sezione  Il Museo

le attività

le mostre
il museo per la scuola
il bookshop
la scuola di vela storica
la rete dei musei del mare
iniziative già svolte
iniziative 1997-2014
Entra nella sezione  le attività

informazioni

dove siamo
orari
recapiti
sposarsi al museo
utilizzo sala convegni
Entra nella sezione  informazioni

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: 12/02/2019

I due disegni leonardeschi di Cesenatico

notizia pubblicata in data : lunedì 04 febbraio 2019

I due disegni leonardeschi di Cesenatico


Nel nuovo ducato romagnolo di Cesare Borgia, il «Porto Cesenatico» necessitava di un'attenzione del tutto particolare: era infatti il porto principale del territorio, invidiato e ambito dai veneziani, vicinissimo a Cesena, la città che si avviava a divenire sede della corte. Naturale dunque che costituisse una tappa obbligata della ricognizione di Leonardo da Vinci.

Eseguendo scrupolosamente l'incarico di «vedere, mesurare, et bene extimare» affidatogli con la «lettera patente» del Borgia, Leonardo fu a «porto ciesenaticho a di 6 di settenbre 1502. a ore 15», come annota egli stesso nel Codice L. A Cesenatico Leonardo compie il rilievo del porto canale, con la medesima tecnica che si ritrova in altre sue planimetrie. Il canale è misurato di tratto in tratto con lunghezze espresse in braccia da lana di Cesena (1 braccio = 0,62 m). Ai lati del rilievo del porto sono presenti altri disegni e annotazioni riguardanti bastioni e fortificazioni.

Due fogli dopo, Leonardo disegna anche una veduta a volo d'uccello del porto con le costruzioni circostanti. Il disegno fu con tutta probabilità ripreso dall'alto della rocca che sorgeva ai margini del borgo marinaro, eretta fin dai primi anni del Trecento, e andata distrutta durante l'ultima guerra mondiale.

Si tratta di precisi elementi che inducono a pensare che Leonardo stesse raccogliendo dati per proporre in seguito a Cesare Borgia alcune ipotesi di interventi migliorativi. Non si tratta evidentemente di una costruzione ex novo, perché il porto era stato realizzato fin dall'inizio del Trecento, oggetto delle continue cure delle magistrature comunali di Cesena, che avevano anche nominato diversi ingegneri idraulici alla sua sovrintendenza. Il Borgia intendeva forse fortificarlo, adeguando le difese della rocca eretta in epoca medioevale, ma soprattutto risolvere attraverso l'opera esperta di Leonardo l'annoso problema dell'insabbiamento dell'imboccatura, comune a tutti i porti canale.Non si potrà però dar seguito ad alcun progetto, poiché la sua «fortuna» si eclisserà rapidamente nel corso dell'anno successivo. Lo studio di Leonardo da Vinci su Cesenatico resta dunque un momento chiave della storia cittadina, ulteriore testimonianza dell'importanza fondamentale del porto canale per la vita della città e del suo territorio.

Risultato
  • 3
(10 valutazioni)
Home page - menu dx con icone
Calendario eventi
<< febbraio 2019 <<
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      
             
Museo della
Marineria
Cesenatico
Indirizzo: via Armellini, 18 - 47042 Cesenatico (FC)
telefono: 0547-79205 fax: 0547-79254
P.Iva: P.I. 00220600407
Posta elettronica certificata (PEC): cesenatico@cert.provincia.fc.it
e-mail: infomusei@cesenatico.it - museomarineria@cesenatico.it
Portale internet realizzato 
da Progetti di Impresa Srl  © 2014