motore di ricerca

Il Museo

perchè un museo
il museo galleggiante
il museo a terra
il museo navigante
il museo all'aria aperta
l'Antiquarium
Entra nella sezione  Il Museo

le attività

le mostre
il museo per la scuola
il bookshop
la scuola di vela storica
la rete dei musei del mare
iniziative già svolte
iniziative 1997-2014
Entra nella sezione  le attività

informazioni

dove siamo
orari
recapiti
sposarsi al museo
utilizzo sala convegni
Entra nella sezione  informazioni

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: 12/04/2017

La Tratta, antico mestiere del mare

notizia pubblicata in data : mercoledì 05 aprile 2017

La Tratta, antico mestiere del mare

 

Un lavoro tra il mare e la terraferma lungo poco meno di tre anni. Il tempo necessario per raccogliere e raccordare tutte le immagini che compongono la mostra “la Tratta”. A firmarla è Marina Carlini che ha raccolto e descritto i tratti somatici di una Cesenatico genuina. “La Tratta” affonda i piedi in una tradizione che trova nuova luce, forma e emozione grazie all'occhio esperto della fotografa di Cesenatico che espone l'antico mestiere del mare. Sono quasi settanta le immagini che compongono la mostra che sarà inaugurata sabato 15 aprile al Museo della Marineria alle 17 e che sarà aperta al pubblico fino al 7 maggio. La curatrice è Milena Masini.

E proprio il caso ha giocato un ruolo importante in questa mostra tessendo le reti per iniziare questo percorso partito con una convalescenza. «Era l'estate 2015 – spiega Marina –avevo la varicella e potevo uscire solo in alcune ore del giorno tra cui l'alba. Così ho conosciuto gli anziani pescatori che ancora tengono viva questa tradizione e ho iniziato a fotografarli. Sono uscita in barca con Italo diverse volte e in un primo momento ho raccontato la gioia della pesca, poi ho iniziato a catturare i tasselli mancanti della storia fino a completare un puzzle che ha preso la forma della mostra. Speravo di poterla inaugurare insieme a Italo Bartolini, purtroppo non ce l'ho fatta, ma è a lui che la dedico perché è stato il nonno che non ho mai conosciuto».

La mostra è divisa in tre sezioni; la sala centrale è dedicata alla tratta e una sala è incentrata sugli strumenti da lavoro. In questa sono presenti anche alcune immagini d'epoca concesse dalla Coop. Casa del Pescatore, mentre nell'ultima sala ci sono altre immagini che costituiscono il portfolio della fotografa.

La mostra è organizzata insieme al Museo della Marineria, e in collaborazione con altre realtà che hanno voluto avvicinarsi all'evento facendo rete tra loro. «La Coop Casa del Pescatore – spiega Marina - è stato un partner inaspettato che ha arricchito la proposta della mostra che così è ancora più speciale. Senza la tipografia Sicograf non ci sarebbe stata nessuna esposizione visto che si è fatta carico di tutte le stampe in alta qualità, e per finire il gruppo delle Azdore Shabby Chic partecipa all'iniziativa. Sono la prova che molte realtà cittadine solo in apparenza sono lontane». Presente anche l'associazione Ganeden che eseguirà brani del '900. periodo in cui la tratta era ancora in voga.

Anche per questa iniziativa il Museo della Marineria si avvale della collaborazione di Gesturist Cesenatico Spa.

 


Info: 339.7983559

 

 

La pesca "alla tratta"

Ormai da una decina d'anni a Cesenatico viene proposta, a cura dei proprietari delle barche tradizionali e in collaborazione con il Museo della Marineria, la rievocazione della ‪pesca "alla ‪‎tratta". È un tipo di pesca costiera "povera", che poteva essere praticata anche da parte di pescatori non professionisti, ideale su fondali bassi e sabbiosi. Per la "tratta" era usata una rete da circuizione: alla base, che doveva strisciare sul fondo, erano applicati dei piombi, mentre l'altro lato, che doveva restare teso verso la superficie, era dotato di galleggianti (sugheri). La rete terminava ai capi con due cime che servivano a tirarla. Un capo restava fissato sulla battigia, mentre l'altro con l'ausilio di una piccola barca veniva portato in acqua descrivendo un ampio semicerchio, sino a tornare a terra. A questo punto, due gruppi di persone iniziavano a recuperare le due cime, tirando a terra la rete che, strisciando nel fondale, intrappolava il pesce, costituito allora da svariate qualità come soglioline, cefali, passere, pesci ragno, seppioline, canocchie, pesce azzurro di piccola taglia. Molto utilizzata nell'immediato dopoguerra, quando con le barche ancora distrutte e il pericolo delle mine la pesca d'altura stentava a riprendersi, la tratta fu praticata in forma organizzata da alcune famiglie, e infine anche come pesca da diporto, fino a quando non fu vietata all'inizio degli anni Settanta.
Ora questo tipo di pesca non è più in uso, ma rivive ogni anno in estate sulla spiaggia di Cesenatico e trasforma i turisti incuriositi in pescatori che si uniscono tra le urla e gli sforzi a quelli cesenaticensi.

 

Marina Carlini

“Sono nata a Milano nel 1968 e mi sono trasferita nella mia amatissima Cesenatico all’inizio del 2001. Fotografo, fotografo tantissimo. Fotografo per immergermi profondamente nella realtà e inquadrare con il mio punto di vista la storia che voglio raccontare. Ho sempre con me la macchina fotografica perché mi piace cogliere tutto ciò che colpisce la mia curiosità, la mia sensibilità e tutto ciò che amo.
Sono affascinata dalla bellezza del paesaggio, dal modo in cui i tetti e le vele riflettono sull’acqua. Proprio l’acqua, è spesso uno degli elementi che vive nei miei racconti fotografici. Se chiudo gli occhi riesco a ricordare ogni sfumatura del colore di quello che mi circonda.
Tra le mie esposizioni recenti, a gennaio 2015 ho presentato nella mia città “Fin da piccola.... respirando Cesenatico” al Grand Hotel Da Vinci. Nel 2016 ho voluto mettermi in gioco fotografando un tema che sento molto, l'Amicizia, cercando le molteplici sfaccettature dell'Universo femminile con la mostra al Castello Fortezza di Montefiore Conca intitolata "L'Amicizia è Donna".
Nel mese di aprile 2017, oltre alla mostra "La Tratta" presente al Museo della Marineria di Cesenatico, ho partecipato a una collettiva itinerante sul Reportage organizzata da Wephoto.
Tra i riconoscimenti ottenuti, nel 2015 sono stata premiata da Chico De Luigi alla Fotomaratona di Rimini e l’anno successivo mi sono aggiudicata il primo premio nel concorso fotografico del Lions Club di Cervia “Storie Arti e Mestieri del Territorio”.”

 

Risultato
  • 3
(899 valutazioni)
Home page - menu dx con icone
Calendario eventi
<< settembre 2019 <<
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
Museo della
Marineria
Cesenatico
Indirizzo: via Armellini, 18 - 47042 Cesenatico (FC)
telefono: 0547-79205 fax: 0547-79254
P.Iva: P.I. 00220600407
Posta elettronica certificata (PEC): cesenatico@cert.provincia.fc.it
e-mail: infomusei@cesenatico.it - museomarineria@cesenatico.it
Portale internet realizzato 
da Progetti di Impresa Srl  © 2014