motore di ricerca

Il Museo

perchè un museo
il museo galleggiante
il museo a terra
il museo navigante
il museo all'aria aperta
l'Antiquarium
Entra nella sezione  Il Museo

le attività

le mostre
il museo per la scuola
il bookshop
la scuola di vela storica
la rete dei musei del mare
iniziative già svolte
iniziative 1997-2014
Entra nella sezione  le attività

informazioni

dove siamo
orari
recapiti
sposarsi al museo
utilizzo sala convegni
Entra nella sezione  informazioni

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: 30/09/2014

E' uscito Navis 5

notizia pubblicata in data : martedì 30 settembre 2014

E' uscito Navis 5
Il 2. Convegno Nazionale di Archeologia, Storia e Etnologia Navale è stato organizzato congiuntamente a Cesenatico il 13 e 14 aprile 2012 dall’Istituto Italiano di Archeologia e Etnologia Navale e dal Museo della Marineria, allo scopo è quello di offrire una panoramica complessiva sullo stato delle scoperte, delle indagini e degli studi che si sono sviluppate nell’ultimo quadriennio (il 1. Convegno si era svolto sempre a Cesenatico nel 2008) in Italia nel campo della archeologia, storia ed etnologia marittima. In questo volume, dedicato al compianto amico e collega Alvise Chiggiato, già socio fondatore e primo presidente dell’Istituto, sono contenuti trentanove articoli e sedici poster, che spaziano sui più diversi argomenti: scoperte di nuovi relitti, studi e approfondimenti su relitti già noti, studi sull’attrezzatura navale, sull’iconografia, sulle fonti storiche, sulle tecniche costruttive, sulla storia della navigazione marittima e nelle acque interne, sulle tradizioni marinaresche, sulla conservazione del patrimonio archeologico ed etnologico, su quella della cultura materiale e immateriale legata al mondo della marineria, sui musei e sul restauro. Un nucleo specifico di lavori è dedicato alle imbarcazioni monossili. Dal punto di vista cronologico, i contributi spaziano dalla preistoria all’età greco-romana, dall’epoca tardo-antica al medioevo, dall’età moderna a quella contemporanea, per giungere fino al secolo scorso e ai nostri giorni con i temi legati all’etnologia e alla museografia. Come già previsto nella precedente edizione, inoltre, viene ospitato un contributo di colleghi stranieri, destinato ad aprire una finestra su quanto accade al di fuori del nostro Paese. In occasione del Convegno del 2008 era stata la volta della Spagna, mentre in quello del 2012 è toccato alla Croazia.

L’interesse per la marineria, nella sua prospettiva storica, archeologica e antropologica, sta riscuotendo anche in Italia un progressivo incremento che, tuttavia, nonostante il pionieristico e valentissimo avvio di mezzo secolo fa, resta ancora molto arretrato rispetto a quanto accade, per esempio, nei paesi dell’Europa settentrionale, dove la storia e la cultura marinaresche hanno assunto un significato davvero incisivo. Eppure, nonostante tutto, anche dai nostri litorali giungono segnali interessanti. Questo volume e il luogo stesso in cui si è tenuto il convegno ne sono in qualche modo una conferma. Come già per il primo incontro del 2008, infatti, anche l’appuntamento del 2012 si è svolto presso il Museo della Marineria di Cesenatico che, primo tra tutti e in una forma ancora molto diversa da quella attuale, fin dagli anni Settanta del secolo scorso intraprese un coraggioso percorso di salvataggio e di recupero del valore storico e culturale di una marineria tradizionale già avviata verso la sua definitiva scomparsa. Un lavoro costante, tenace. E i risultati si vedono. Risultati tra cui va certamente incluso il consolidato sodalizio tra il Museo e l’Istituto, che, non ha caso, ha proprio qui la sua sede operativa. Pensare che il convegno e i suoi atti rappresentino soltanto un appuntamento destinato a studiosi e appassionati del settore sarebbe una considerazione riduttiva. Infatti, le ricadute che queste iniziative assumono in senso generale sul territorio e sull’intero Paese dimostrano come la valorizzazione del patrimonio storico, archeologico ed etnografico marinaresco siano, in realtà, un fenomeno di ampio respiro, con effetti assolutamente positivi sull’immagine e sul patrimonio dell’intero territorio nazionale, ricchissimo anche in questi contesti. Ci aiuta a ricordare che navi, barche, navigazione e genti di mare sono state e sono la nostra storia, il nostro passato e il nostro futuro; che l’economia non passa soltanto attraverso le quadrature di bilancio e i tagli alla spesa; che la cultura, in tutti i suoi aspetti, rappresenta per l’Italia una risorsa imprescindibile, una ricchezza che le istituzioni centrali e locali hanno il dovere di salvaguardare, nonostante tutto. Anzi, siamo convinti che proprio dalla cultura possa partire la vera ripresa socio-economica del nostro Paese.

NAVIS 5 – Archeologia, Storia, Etnologia Navale. Atti del II Convegno Nazionale (Cesenatico, Museo della Marineria, 13-14 aprile 2012) A cura di Alessandro Asta, Giovanni Caniato, Davide Gnola, Stefano Medas Libreriauniversitaria.it edizioni – Padova – settembre 2014 Pagine 417 Prezzo 20, 90 Euro

Il volume può essere acquistato direttamente al seguente indirizzo web: Navis 5
Risultato
  • 3
(2213 valutazioni)
Home page - menu dx con icone
Calendario eventi
<< luglio 2019 <<
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
             
Museo della
Marineria
Cesenatico
Indirizzo: via Armellini, 18 - 47042 Cesenatico (FC)
telefono: 0547-79205 fax: 0547-79254
P.Iva: P.I. 00220600407
Posta elettronica certificata (PEC): cesenatico@cert.provincia.fc.it
e-mail: infomusei@cesenatico.it - museomarineria@cesenatico.it
Portale internet realizzato 
da Progetti di Impresa Srl  © 2014